Nome Utente password
La Cooperativa

“Tredici anni sono tanti e, diciamo un po’ retorici, che sembra ieri” Il genio poetico di Guccini opportunamente parafrasato mi aiuta a descrivere il sentimento che mi ha accompagnato per mettere su carta questa riflessione sulla esperienza maturata da un piccolo gruppo di MMG che svolge la propria attività a Pozzuoli.
Nel 1997 sulla spinta dell’Accordo Regionale Campano che promuoveva la nascita di forme associative della Medicina Generale formammo un gruppo di 12 MMG dando vita ad una delle prime cooperative della regione Campania, la Cooperativa "Progetto Leonardo", contemporaneamente nasceva a Bacoli-Monte di Procida un'altra cooperativa "Cumae" , che possiamo dire gemella,con la quale abbiamo da sempre condiviso scelte e percorsi.
Il gruppo è composto da MMG di varia estrazione, ex ospedalieri,specialisti in varie branche, MMG con svariate esperienze pregresse ma accumunati dall'entusiasmo di esercitare una professione che arricchisce chi la pratica non solo da un punto di vista prefessionale ma anche umano,e prorio grazie all'entusiasmo, alla condivisione di esperienze e perchè no anche al desiderio di rivalsa di chi pratica quotidianamente la Medicina Generale, ancora sottovalutrata nella sua enorme potenzialità.il <http://potenzialità.il> gruppo seppur piccolo si è dimostrato subito vivace e ci ha consentito nel tempo di partecipare e di promuovere diverse iniziative nel campo della ricerca in medicina generale forti della convinzione che implementare la ricerca migliora l’assistenza ai cittadini e tentare di migliorare l’assistenza può diventare una occasione di ricerca.
La nostra prima iniziativa, a cui ha partecipato anche la Cooperativa "Cumae", è stata quella di valutare negli anni 2002- 2003 quale fosse la prevalenza e l’incidenza della insufficienza renale nella popolazione di diabetici ed ipertesi assistiti dal nostro gruppo.
I dati raccolti grazie anche al supporto organizzativo della sede Nephro Care di Pozzuoli hanno riscosso molto interesse quando comunicati all’Ordine dei Medici di Napoli e a diversi congressi in Italia.
Nel corso del 2003 l’Istituto Mario Negri, grazie al rapporto preesistente col dott. Giugliano,nostro socio, ci invitò a partecipare ad uno studio epidemiologico sulla prevalenza dei fattori di rischio cardiovascolare in Italia.
L’adesione del gruppo fù compatta e ci ha consentì di partecipare a corso di formazione e alla condivisione dei dati e la seguente pubblicazione (1).
Intanto già presidente della Coop sono stato eletto segretario aziendale della Fimmg Na 2 coadiuvato nel nuovo e gravoso impegno da vari colleghi della Coop che sono entrati a far parte del direttivo provinciale e della segreteria aziendale, avevamo infatti maturato la convinzione che impegno sindacale e scientifico fossero inscindibili se si voleva dare una applicazione pratica sul piano della qualità dell’assistenza a quanto andava maturando sul piano della ricerca.
Un gruppo che pensava a implementare la cultura della medicina generale non poteva non porsi il problema sindacale della governance dei processi assistenziali della Asl di appartenenza.
E per tale motivo abbiamo dato il nostro contributo come Fimmg alla stipula del nostro accordo aziendale firmato nel 2005 ed in particolare alla realizzazione di due punti, tra gli altri, che ritenevamo qualificanti ovvero la gestione del paziente diabetico e lo screening della mammella.
Lo screening della mammella è stato organizzato dalla nostra cooperativa e da altre dell'ASL NA2,con la creazione della figura di un Referente per il gruppo cooperativo.
Il referente invia ogni inizio mese a ciascun medico attraverso e- mail la disponibilità di appuntamenti per eseguire la mammografia presso il nostro ospedale. Ciascun MMG contatta personalmente le proprie assistite donne elegibili per fascia di età (49-69 anni) e consegna l’appuntamento per la mammografie direttamente alla paziente.
Questo sistema che coinvolge il MMG nel processo di sensibilizzazione delle donne ed elimina gli ostacoli burocratici ha dato i suoi frutti poiché l’adesione delle donne è risultata la più elevata rispetto alle precedenti esperienze realizzate in regione Campania con adesioni che hanno raggiunto l'84 % e dato più importante ha consentito l’individuazione di 14 cancri subcentimetrici.
Più complesso, articolato, accidentato è risultato essere il percorso del management del paziente diabetico.
Tralasciando in questa sede le problematiche sindacali insorte, al fine di valutare l’appropriatezza gestionale garantita dai MMG nei confronti dei propri assistiti diabetici, l’esperienza gestionale del nostro gruppo di MMG di Pozzuoli è stato messa a confronto con quella di alcuni CAD della regione Campania.
I risultati sono stati pubblicati nel luglio 2009 sugli Annuali dell’Istituto Superiore di Sanità (2) e sono sicuramente gratificanti per la nostra categoria.
Nel corso dell’anno 2006 il nostro gruppo si è arricchito per l’ingresso di altri sei MMG sempre operanti nella nostra cittadina.
Nel corso dello stesso anno abbiamo istituito presso la nostra ASL l’ Albo dei Medici Sperimentatori riservato ai MMG e ai Pediatri di libera scelta, iniziativa resasi necessaria per l’assenza di un albo regionale dei Medici Sperimentatori.
La presenza dell’albo aziendale ha reso possibile la nostra partecipazione al primo studio di sperimentazione farmacologica per i MMG ovvero lo studio Rischio e Prevenzione coordinato dall’Istituto Mario Negri.
L’iniziativa catalizzata dal nostro gruppo ha coinvolto anche altri colleghi della ASL Na 2.
Questo studio ormai giunto ormai al terzo anno di follow up nella ASL2 coinvolge più di venti MMG con più di 200 pazienti arruolati.
Dunque numeri importanti per uno studio così oneroso e poco redditizio a testimoniare il desiderio di partecipazione da parte dei MMG ad iniziative ricche di contenuto scientifico e professionale.
Quando Fimmg ci ha chiesto di partecipare allo studio Pandora è stato relativamente semplice aderire e formare un gruppo laborioso e affiatato che ha risposto alle sollecitazioni che nel corso dello studio si sono rese necessarie.
Altri progetti sono in fieri alcuni hanno già fatto qualche passo fuori dalla nostra testa altri sono in via di elaborazione.
Abbiamo infatti dato vita ad uno studio pilota clinico/osservazionale volto a sperimentare la possibilità di individuare popolazioni a rischio di sviluppare cancro del seno e/o ovaio attraversare l’identificazione di particolari geni in particolare l’Aplotipo BRCA 1 e 2.
Grazie alla collaborazione con laboratorio di genetica di Angri sono state effettuate circa 60 determinazioni su altrettante nostre assistite selezionate in base a rigidi criteri di familiarità positiva per cancro al seno e/o ovaio.
Uleriore arricchimento si è avuto nel 2009 per la confluenza nella nostra Cooperativa degli amici e colleghi della Cooperativa Cumae che con le loro esperienze in gruppi di lavoro radicati e ben distribuiti nel territorio hanno dato ulterire carica al gruppo.
Dopo questa breve disanima delle attività svolte formuliamo per il futuro gli auspici affinchè possiamo essere in grado di costruire un network di ricerca in Medicina Generale al fine di migliorare quella che ancora oggi mi sembra essere una Professione davvero affascinante

CHI SIAMO

Cerca Medico
Nel nostro archivio sono presenti 46 medici

Scegli il nominativo del medico per visualizzare la scheda

News in evidenza
  • Artrite reumatoide : necessità di diagnosi precoce
    Lo Specialista Reumatologo è chiamato a seguire sia pazienti con malattie autoimmuni sistemiche ( che compromettono se non prontamente affrontate la funzione e l'aspettativa di vita e che colpiscono circa il 2% della popolazione generale ), sia pazienti con malattie dell'apparato locomotore di durata variabile ( che hanno, comunque, un'evoluzione lenta e sono prive di impatto sulla durata di vita ). Questa realtà si traduce in un ostacolo alle cure precoci di pazienti che ne hanno uno stretto bisogno da parte di pazienti affetti da condizioni poco o per nulla evolutive. È importante, quindi, che il Medico di Medicina Generale sia in grado di identificare i pazienti del primo gruppo in modo da assicurarne un pronto invio allo Specialista. leggi news
  • IBIS Breast Cancer Risk Evaluation Tool
    Software versione 8 del settembre 2017 - Propedeutico alla prescrizione degli esami per mutazione BRCA1 e 2 E' un software (gratuito) per valutare il rischio di sviluppo del cancro alla mammella e alle ovaie, anche in donne che non sono in età di screening e che quindi , quasi sempre, sfuggono al monitoraggio. Al termine dell'inserimento dei dati richiesti, viene elaborato un grafico dove vi è un confronto tra la curva del rischio personale e la curva del rischio della popolazione di riferimento, viene anche indicato la % del rischio di alterazione del gene BRCA1 e BRCA 2, se questo è superiore a 10% la probabilità è alta e la paziente è candidata all'esame genetico. Questo, fa si che l'esame venga eseguito solo sulla popolazione effettivamente a rischio, con, anche, un risparmio di risorse. leggi news
  • L'Ospedale incontra il Territorio
    Santa Maria delle Grazie, un ospedale di eccellenza al servizio del territorio Assistenza territoriale e assistenza ospedaliera rappresentano due pilastri del Sistema Sanitario che occorre far lavorare in modo coordinato e complementare. Spesso nel nostro Mezzogiorno questi due ambiti sono stati disgiunti: eccellenze del territorio o dell'ospedale additate come esempi di rilievo, rimanevano "isole" senza che quel modello potesse diventare patrimonio per il contesto in cui si collocavano. Il convegno "L'ospedale incontra il territorio" - primo di una serie - si pone l'obiettivo di mettere a disposizione della medicina del territorio le eccellenze professionali, tecnologiche e organizzative che il Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli sta riuscendo ad esprimere negli ultimi anni. Per un'intera giornata ci confronteremo tra chi vive le corsie dell'ospedale flegreo, chi veste con passione il camice negli ambulatori cittadini e chi gestisce l'organizzazione. Per un'intera giornata discuteremo in nome della prospettiva che ci accomuna: la tutela della salute di chi si affida a noi. Antonio d'Amore Direttore Generale leggi news
  • Il percorso assistenziale del paziente con neoplasia testa-collo: il ruolo del MMG e dello specialista nell'orientamento del paziente
    Sabato 26 maggio 2018 alle 9.00 presso l'Auditorio del Centro per la Vita "Don Luigi Saccone" Ex Villaggio del Fanciullo a Pozzuoli un evento imperdibile su un argomento che non abbiamo mai affrontato, con la presenza del dott. Americo Mastella Direttore della Otorinolaringoiatria dell'Ospedale S. Maria delle Grazie di Pozzuoli (NA) e della nostra Collega la dott.ssa Annamaria Scamardella, MMG e Specialista ORL. L'evento prevede l'assegnazione di 5 crediti ECM. leggi news
SPONSOR
ti interessa
questo spazio?

contatta il webmaster
Società Cooperativa a.r.l.
PROGETTO LEONARDO
Presidente: Dott. BOVE FILIPPO
C.D.A.:
Dott. Fariello Ciro, Dott. Giugliano Roberto, Dott. Merone Laura, Dott. Parascandola Tullio,
Dott. Schiano Agostino, Dott. Scilla Alfonso, Dott. Smaldone Massimo
WEBMASTER

Francesco Schiano di Cola
CONSULENZA INFORMATICA

Configurazione PC, Periferiche, Reti LAN
Software di gestione cartella clinica
Partner MILLEWIN per Napoli e Provincia
Realizzazione siti web
www.fsconsult.it - info@fsconsult.it